Corso: formazione specifica lavoratori addetti ai reparti produttivi Accordo Stato-Regioni 2011 (Rischio alto)

Sono aperte le iscrizioni al corso in avvio nel mese di ottobre

L’Api, con la collaborazione di Apiservizi Srl, promuove il corso "Formazione specifica lavoratori addetti ai reparti produttivi Accordo Stato-Regioni 2011 (rischio alto)" rivolto a tutti i lavoratori addetti ai reparti produttivi che non abbiamo già effettuato tale formazione obbligatoria ed in particolare ai neo assunti. L’obiettivo del corso è quello di assolvere l’obbligo del datore di lavoro di provvedere alla formazione dei lavoratori, anche neo-assunti, a proprie spese e nel corso dell’orario di lavoro. A tal proposito l’Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 ha precisato: “Il personale di nuova assunzione deve essere avviato ai rispettivi corsi di formazione anteriormente o, e ciò non risulta possibile, contestualmente all’assunzione”.

Il legislatore obbliga che la formazione avvenga prima dell’assunzione, ma se questo non fosse possibile, deve avvenire contestualmente all’assunzione e terminato entro 60 giorni.
 
Ogni lavoratore addetto ai reparti produttivi deve essere formato sulla sicurezza sul lavoro attraverso corsi, composti da:
A) un modulo generale (4 ore)
B) un modulo specifico sui rischi per un determinato luogo di lavoro (12 ore rischio alto).
 
Al termine del corso previa frequenza di almeno il 90% delle ore di formazione verrà effettuata una prova di verifica obbligatoria da effettuarsi con colloquio o test, in alternativa tra loro. Tale prova è finalizzata a verificare le conoscenze relative alla normativa vigente e le competenze tecnico-professionali acquisite in base ai contenuti del percorso formativo.
 
Programma
 
Rischi meccanici generali, macchine e attrezzature
  • Prevenzione e sicurezza sul posto di lavoro.
  • Importanza della formazione ed informazione dei lavoratori nel campo della salute e sicurezza sul posto di lavoro.
  • Le operazioni di lavoro specifiche dell’azienda.
  • Pericoli, rischi e principali cause di infortunio nell’utilizzo delle macchine operatrici ed utensili. Le azioni e le condizioni pericolose.
  • Requisiti generali di sicurezza delle macchine: ripari, protezioni, doppi comandi.
  • La manutenzione periodica e dei controlli. I rischi nelle operazioni di manutenzione.
  • Rapporto con le imprese appaltatrici e sicurezza.
  • Gli interventi di prevenzione nell’ambiente di lavoro.
  • Gli interventi di prevenzione sull’organizzazione del lavoro.
  • La protezione collettiva ed individuale. I dispositivi di protezione individuale: scarpe antinfortunistiche, guanti, occhiali e maschere.
Rischio elettrico generale
  • Protezioni dalle tensioni di contatto;
  • Protezioni da sovratensioni, sovracorrenti e scariche atmosferiche;
  • Apparecchiature elettriche;
  • Utensili e apparecchi elettrici portatili o mobili;
  • Impianti di illuminazione elettrica;
  • Collegamenti elettrici a terra;
  • Cabine elettriche;
  • Impianto di messa a terra
  • Buone norme comportamentali riferite a possibile rischio di folgorazione
  • Effetti dell’elettricità sull’organismo umano;
  • Primo soccorso per i colpiti da corrente elettrica
 
Rischio chimico
  • I preparati pericolosi di uso lavorativo
    Le vie di esposizione; Prodotti pericolosi; Tipi specifici di rischio; La sorveglianza sanitaria
  • Schede di sicurezza ed etichette
    L’etichettatura; La scheda di sicurezza (SDS); Frasi di rischio e consigli di prudenza; Verniciatura; La protezione collettiva ed individuale. I dispositivi di protezione individuale.
 
Rischi fisici
  • Rumore
    La fisiologia dell’apparato uditivo; Gli effetti del rumore sull’udito; La normativa vigente; Obblighi e responsabilità dei lavoratori; La misura del rumore: i decibel; La risposta dell’orecchio umano; Le tipologie di rumore; Il livello equivalente e l’esposizione quotidiana personale; Controlli sanitari; L’informazione e la formazione; I dispositivi di protezione individuale: tappi, cuffie.
  • Vibrazioni
    Sorgenti di vibrazioni; Modalità di azione su corpo umano; Grandezze e misure; Sistema mano-braccio, corpo intero; Situazioni di rischio; Protezione dalle vibrazioni.
Rischi psicosociali e stress da lavoro correlato
  • Lo stress; Risposte dello stress; La sintomatologia;
  • Definizione e caratteristiche del burnout; L’individuo e il burnout;
  • Il mobbing; Caratteristiche del mobbing;
  • Prevenzioni delle sindromi da stress.
 
Procedure di emergenza
  • Le procedure di emergenza; Antincendio, evacuazione e primo soccorso.
  • Nell’ambito del percorso formativo, ad integrazione dei contenuti sopraesposti, verranno affrontati in modo trasversale gli aspetti comportamentali, il fattore umano, il comportamento dei lavoratori, l’atteggiamento nei confronti delle regole, dei processi e delle situazioni lavorative.
 
Incidenti ed infortuni mancati
  • Near miss, mancato infortunio, mancato incidente o quasi infortunio: Origine, Definizione, Decisioni
 
Segnaletica di sicurezza
 
Rischi da sovraccarico biomeccanico degli arti superiori
  • Rischi del tipo lavoro-correlato dovuti a movimentazione manuale di bassi carichi ad alta frequenza che potrebbero comportare malattie da microtraumi ripetuti e posture incongrue degli arti superiori (sovraccarico biomeccanico)
 
DPI organizzazione del lavoro
  • La funzione dei D.P.I.;
  • Quando esiste l’obbligo dell’uso di D.P.I.;
  • I requisiti dei D.P.I.;
  • Gli obblighi dei lavoratori;
  • Il corretto uso dei D.P.I. Marcatura CE;
  • I principali D.P.I. esistenti:
  • Protezione del capo; Protezione dell’udito; Protezione degli occhi; Protezione degli arti superiori; Protezione degli arti inferiori; Protezione delle vie respiratorie; Protezione del corpo; Protezione dalle cadute; Schede tipo per l’Identificazione dei D.P.I. più appropriati
Movimentazione manuale dei carichi
  • La movimentazione manuale dei carichi come fattore di rischio
  • Obblighi del datore di lavoro e dei lavoratori ex D.Lvo 81/08
  • La colonna vertebrale (rachide) e sue possibili alterazioni
  • Modelli di valutazione del rischio nella movimentazione manuale dei carichi
  • La movimentazione manuale e le caratteristiche dell’ambiente di lavoro
  • Consigli per una corretta movimentazione manuale dei carichi.
  • La sorveglianza sanitaria.
Lavori in altezza – Uso di scale
 
Videoterminali
  • Le condizioni di lavoro al V.D.T.; L’ergonomia del posto di lavoro al V.D.T. Gli arredi; Le posture incongrue;
  • Nozioni di illuminotecnica; Riflessi e abbagliamenti; L’astenopia lavorativa e il compito visivo;
  • La qualità dell’aria e gli inquinanti indoor; Microclima e climatizzazione;
  • L’hardware e il software. La normativa vigente sui videoterminali: gli esposti;
  •  Il posto di lavoro; Le interruzioni e le pause;
  • La sorveglianza sanitaria, informazione e informazione e le sanzioni
Calendario: Mercoledì 11 Ottobre 2017 dalle ore 14.00 alle ore 18.00  
  Mercoledì 18 Ottobre 2017 dalle ore 14.00 alle ore 18.00
  Giovedì 26 Ottobre 2017 dalle ore 14.00 alle ore 18.00
  sede Api Via Pergola 73 Lecco Lc
Costi:  Il costo per la partecipazione al corso è di
  € 180,00 + Iva per associati ad Api Lecco
  € 250,00 + Iva per non associati ad Api Lecco
 
Le iscrizioni, mediante il modulo allegato, dovranno pervenire presso l’Api  via email nadia.crotta@api.lecco.it entro Venerdì 29 Settembre 2017.
 
Si precisa che:
  • I corsi verranno effettuati solo al raggiungimento del numero minimo di partecipanti;
  • nel caso di iscrizioni eccedenti il numero previsto si potranno programmare nuove edizioni del corso;
  • per ottenere l’attestato di frequenza è obbligatorio partecipare al 90% del  percorso formativo.
L’Area Formazione dell’Api è a disposizione per informazioni e chiarimenti (tel. 0341.282822).

(DC/sb)

 

File Allegati

Scheda di adesione

Chiudi la finestra
Login
Inserisci nome utente e password per accedere alla pagina.

Inserisci la tua username o indirizzo email
Riceverai via email un link per reimpostare la password.